MELANCONIA

Melencolia I o Melancholia I è un’incisione a bulino di Albrecht Dürer, siglata e datata al 1514 e conservata, tra le migliori copie esistenti, nella Staatliche Kunsthalle di Karlsruhe. L’opera, densa di riferimenti esoterici, tra cui il quadrato magico, è una delle incisioni più famose in assoluto.

L’incisione fa parte del trittico detto Meisterstiche, con il San Girolamo nella cella e Il cavaliere, la morte e il diavolo, realizzato tra il 1513 e il 1514. Sebbene non legate dal punto di vista compositivo, le tre incisioni rappresentano tre esempi diversi di vita, legati rispettivamente alle virtù morali, teologiche e intellettuali.

Ritrae una figura alata seduta con aria pensosa davanti a una costruzione di pietra circondata da strani oggetti, simboli appartenenti al mondo dell’alchimia: una bilancia, un cane scheletrico, attrezzi da falegname, una clessidra, un solido geometrico (un “troncato romboedrico” o “poliedro Dürer”), un putto, una campana, un coltello, una scala a pioli.
L’opera simbolicamente rappresenta, in termini alchemici, le difficoltà che si incontrano nel tentativo di tramutare il piombo (anime delle tenebre) in oro (anime che risplendono).

Secondo la tradizione astrologica l’ambito alchemico era dominato dal pianeta Saturno, ed era legato al sentimento della malinconia, quindi al temperamento melanconico. Altri elementi che suscitano tale emozione sono l’arcobaleno e la cometa. Le chiavi rappresentano la conoscenza, in grado di liberare l’uomo dal suo stato melanconico. Altro simbolo di speranza è il pipistrello, che viene rischiarato dalla luce che spazza le tenebre.
Si tratta quindi di un vero e proprio compendio del pensiero dell’artista sull’arte e sull’animo umano.

Questa quindi è un opera che ha un proprio significato, che porta con sé quel senso di tristezza, di malinconia che affligge l’uomo. Ogni persona, però, può avere una visione differente di quest’ultima poiché l’arte è anche qualcosa di soggettivo, qualcosa che può essere interpretato diversamente, qualcosa che dà spazio alla fantasia, qualcosa che ci rende liberi.

Condividi l’articolo con chi vuoi:
Daniela Caputo
Daniela Caputo
Articoli: 15

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *