COSA STIAMO FACENDO AL NOSTRO PIANETA?

Il cambiamento climatico sta già colpendo l’Europa in varie forme, portando alla perdita di biodiversità, diminuzione dei raccolti e aumento delle temperature. Il cambiamento climatico ha un impatto anche sulla salute delle persone.

L’UE è un grande emettitore di gas serra e secondo l’Agenzia europea dell’ambiente, nel 2015 l’Unione europea è stato il terzo produttore di gas serra dopo la Cina e gli Stati Uniti.
L’UE è impegnata nei negoziati internazionali sul clima ed è un attore chiave nei colloqui delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.
L’UE quindi ha firmato l’accordo di Parigi, dove tutti i paesi dell’UE sono firmatari, ma le loro posizioni e gli obiettivi comuni di riduzione delle emissioni vengono coordinati a livello dell’UE.
Con l’accordo di Parigi, l’UE si è impegnata a ridurre le emissioni di gas serra almeno del 40% entro il 2030.
Infatti proprio a riguardo è stata creata l’agenda 2030 che ha come scopo, lo sviluppo sostenibile.
Questo è un programma d’azione per le persone, il pianeta e la prosperità, sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’ONU.
Essa ingloba 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile in un grande programma d’azione per un totale di 169 traguardi. L’avvio ufficiale degli obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile ha coinciso con l’inizio del 2016, guidando il mondo sulla strada da percorrere nell’arco dei prossimi 15 anni: i Paesi, infatti, si sono impegnati a raggiungerli entro il 2030.
Ma ad oggi siamo tutti ben consapevoli che questi obiettivi, molto probabilmente, entro il 2030 non saranno raggiunti, infatti possiamo notare quanto in quest’ultimo periodo il nostro pianeta ci stia dando dei chiari segnali di ciò che negli anni l’uomo gli ha causato.
Ci ritroviamo dinanzi a continui scioglimenti dei ghiacciai, a inquinamenti dovuti all’inciviltà dell’uomo, a disboscamenti, incendi.
Questo, quindi, dovrebbe farci capire che dovremmo imparare a trattare bene il nostro pianeta a far sì che le cose non peggiorino sempre di più; basterebbe davvero poco, anche nel nostro piccolo, per fare un passo in avanti verso il miglioramento.

Condividi l’articolo con chi vuoi:
Daniela Caputo
Daniela Caputo
Articoli: 15

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *